Accesso refertazione online | Login | Non hai un accesso? Richiedilo ora!

Versione Italiano | English Version

Polimorfismo 5T del gene CFTR (CAVD)

Infertilità Maschile
Polimorfismo 5T del gene CFTR (CAVD)
Diagnosi molecolare dell'infertilità maschile mediante amplificazione genica (PCR) ed analisi di sequenza automatizzata, per la valutazione del Polimorfismo 5T del gene CFTR
 
Una caratteristica ricorrente tra i maschi con Fibrosi Cistica è l’infertilità, che si associa alla patologia ostruttiva e spesso all’agenesia bilaterale congenita dei vasi deferenti (CBAVD). Questo difetto costituisce circa il 15% delle cause di sterilità maschile che nel 80% dei casi è riconducibile a mutazioni di del gene CFTR . Alcune di queste mutazioni come R117H, N1303K e G551D sono molto comuni nei pazienti con CBAVD, in associazione alla D F508, che è presente in eterozigoti nel 57% di pazienti maschi. E’ stata anche dimostrata una correlazione tra questa malformazione e una variante allelica polimorfa del gene CFTR, conosciuta come polimorfismo 5T, che mostra una frequenza nei CBAVD circa 4- 6 volte superiore rispetto alla popolazione generale. Il polimorfismo consiste in una regione di polipirimidine (polyT) di lunghezza variabile all’interno dell’introne 8 del gene CFTR. La variabilità si manifesta sotto forma di tre alleli, chiamati 5T, 7T, 9T, a seconda del numero di timine presenti. In particolare, l’allele 5T è associato ai cromosomi mutati dei maschi con CBAVD. Questo polimorfismo intronico regola il meccanismo molecolare del processo di maturazione dell’RNA messaggero (mRNA) e quindi la quantità di trascritto CFTR all’interno della cellula. La presenza di un allele 5T si accompagna ad una sintesi di mRNA che manca dell 'esone 9 (ex9-) per il 90%, l 'assetto 7T presenta il 25% di mRNA ex9- mentre in quello 9T il 90% dell 'mRNA è normale. Si ipotizza che una quantità ridotta di mRNA provochi questa forma incompleta o variante di FC, che viene trasmessa da genitori eterozigoti.
 
Condividi su :